Scegliere di un buon locale prima parte

Lettori del blog e appassionati della mondanità culinaria, oggi in questo articolo cercheremo di illustrare come poter scegliere attraverso semplici valutazioni, il locale più adatto per la vostra serata in dolce compagnia o in compagnia di amici e parenti

“Quale locale?”: Oggi a differenza di qualche tempo fa il panorama culinario si è molto ampliato, così che ai classici ristoranti, pizzerie e trattorie, si affiancano locali più moderni quali i risto-pub che offrono la possibilità di fare aperitivi, cene e bevute post cena ,offrendo talvolta anche musica dal vivo garantendo anche un certo livello di intrattenimento dei loro ospiti. Per cui la scelta del tipo di locale diventa importante per evitare di finire in un posto in cui ad esempio la musica risulta di disturbo invece che di “accompagnamento” oppure di optare per un ristorante che non si addice esattamente alle aspettative di altri amici. Altro quesito preliminare: “Cena o Apericena?: Qui la scelta altalena tra il sedersi ad un tavolo e mangiare portate singole e abbondanti, oppure spilluzzicare  tra assaggini e stuzzichini vari sorseggiando un cocktail o un buon bicchiere di vino. Va da se che il risultato è pressoché identico: si esce dal locale sempre sazi ma ciò che cambia è il costo!

“Etnico o italiano”?: Se siete amanti dell’etnico chiedete sempre se va bene a tutti assaggiare o mangiare piatti etnici soprattutto se si va sul particolare come la cucina vietnamita o indiana. Il giapponese e il cinese oggi sono molto di moda pertanto non credo avrete difficoltà a convincere tutti a seguirvi! Fate sempre attenzione quando scegliete di passare una serata all’insegna dell’etnico, non tutti infatti possono gradire i sapori particolari e speziati che spesso caratterizzano questo tipo di cucine

“Diamo un occhiata al menù?”: Primo punto fondamentale per scegliere il vostro ristorante è il menù.  Il primo consiglio che vi do, soprattutto se la cena fuori è una improvvisata, è di optare per un ristorante che esponga il menù all’esterno per non avere cattive sorprese; non sempre infatti una pizza è sinonimo di risparmio! Cosa capitata al sottoscritto durante una vacanza ad Alghero in cui una bella pizza margherita mi costò 10,00 euro tondi tondi più tutto il resto della cena. Questo consiglio vale anche e soprattutto quando vi trovate fuori città ad esempio in vacanza. In tal senso i locali nelle città e nei luoghi di vacanza, sono oggigiorno attrezzati, per cui tutti se non quasi, espongono i loro menù all’ingresso. Prendere visione del menù prima di entrare è fondamentale anche solo per capire che tipo di cucina il ristorante offre, ad esempio se offre una cucina tradizionale italiana oppure alternativa e rivisitata, quindi una volta data un’occhiata al menù chiedetevi: “tutti mangiamo quello che sta scritto qui?” se la risposta è negativa beh mi pare ovvio, cambiate locale!.

“Che vino si prende?”: Secondo aspetto di primaria importanza è la carta dei vini. Sono veramente pochi i locali che la espongono, per ciò vi sarà difficile poter valutare questo aspetto se non una volta seduti al tavolo. Si deve inoltre aggiungere che non tutti i ristoranti hanno la carta dei vini separata dal menù e pressoché nessuna osteria ce l’ha. Prima domanda da porsi: “Vogliamo pasteggiare con un buon vino diverso da quello della casa?”  Se la risposta buttatevi a capofitto sulla carta e spulciatela bene alla ricerca del vino che più si addice alla vostra cena tenendo un occhio fisso sul prezzo! Se invece un vino della casa può essere sufficiente, badate bene che il prezzo sia consono al tipo di vino, tenendo ben presente che è sempre un vino della casa!
“Vino rosso o bianco?” A grandissime linee vale la regola rosso per la carne e bianco per il pesce poiché il rosso in genere è più adatto a smorzare i toni decisi e grassi di molte cotture di carne (soprattutto la carne rossa) mentre il bianco più delicato e fresco si abbina all’altrettanto delicata carne di pesce. Rimandiamo comunque il discorso ad un prossimo articolo sui vini poiché non è argomento dell’articolo di oggi,
“Ho mangiato bene e speso il giusto!” Il rapporto qualità prezzo è sempre importante per un locale e soprattutto per le vostre tasche; è inutile infatti entrare in un locale raffinato ed elegante se poi la cucina è mediocre e il conto è salato solo perché è un posto rinomato o perché vi hanno fatto mangiare con l’argenteria, una buona osteria o un ristorante più “semplice” ma dall’ottima cucina “casereccia” vi farà fare altrettanto bella figura; ricordate l’abito non fa il monaco!
A presto con la seconda parte di questa piccola guida alla scelta del locale ad hoc.

di M. per il Trio Libeccio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...